Testi

-TESTI DEI PEZZI CONTENUTI NEL 33 GIRI “VERDI ACIDI PENSIERI”-
 -TESTI DEI PEZZI CONTENUTI NEL 45 GIRI SPLIT CON I PISCIO SANGUE-
-TESTI DEI PEZZI CONTENUTI NEL PRIMO CD “INTOTHEBAOBAB”-

 

SOTTOCULTURE UNITE

Drogati di proibizionismo, sicurezza che diventa controllo, il Tg deve fare paura alla gente così la gente di controllo ne ha bisogno. Il tuo vicino potrebbe impazzire, guarda sempre in basso e non ti fidare mai al di fuori dell’ordinario. Verbo avere: libertà totale sempre che paghiate. Verbo fare: libertà repressa a manganellate. Corpi vuoti aleggiano intorno a promesse di una felice, appagante, mediocrità. Drogati di proibizionismo, sicurezza che diventa controllo, in questa fottuta mafiocrazia la gente è libera solo di essere d’accordo! E chi voleva capire ha capito, e anche chi ha capito spesso ha preferito abbassare lo sguardo, indifferente. Attacco collettivo alle teste già marcite, sottoculture unite! Tante minoranze insieme fanno dinamite, sottoculture unite! Autoproduzione, solidarietà, scambio, contro l’egoismo del loro guadagno. Fanculo le etichette! Noi siamo le nostre vite, sottoculture unite!

NINNA NANNA

M’è toccato mamma conoscere il mondo in un attimo breve. M’è toccato mamma fare un gran salto come avessi vissuto tutti i miei anni in un solo fottutissimo istante. M’è toccato mamma conoscere l’odio. Ti prego mamma una ninna nanna, una ninna nanna.

CHE DUE PALLE

Tutto ciò che inizia prima o poi finisce, e ci rimani di merda…ma che bello si cresce…più una cosa è buona e più ci fa male, il tuo dio è sadico e si fa pregare. In ogni cosa c’è una maggioranza, quello che la gente chiama ‘normalità’. Siamo sempre schiavi di una nuova esigenza, e soddisfarla per noi vuole dire ‘libertà’. E fuori il cielo è grigio, che due palle. Dai usciamo a fare un giro, che due palle. Mi si arrampica la scimmia, che due palle. Cazzo vez, e passa sta canna. Che due palle. Non mi sopporto più neanch’io…porco dio.

A(C)CERCHIATA

Mondo privato, diviso e plasmato, a immagine e consumo di chi ce l’ha rubato. Terra privata, divisa in confini, chi è dentro è contribuente e quelli fuori clandestini. Aria privata, e in caso che t’ammali, la colpa non è dell’industria ma tua che respiri. Acqua privata, conviene a tutti, vedi, frizzante o naturale l’importante è che la bevi. Fuoco privato, la rabbia che ho dentro, ma che diventi pubblica aspetto il momento. Anarchy is just the begin of freedom and freedom is just the begin of peace! Mondo privato, diviso e plasmato, a immagine e consumo di chi ce l’ha rubato. Gente privata di quello che le spetta: un tetto, una vita, da godersi senza fretta. Mondo di merda, ma è qui che siamo nati, e quello che ci spetta è ancora lì che c’aspetta. Accerchiata, accerchiati, da crimini legali dati ormai per scontati! Accerchiata, accerchiati! Fratelli! Sorelle! Uniti e organizzati!

IL SECONDO STATO

Nessuno mai ne parla ma è ovunque intorno a noi, nel cemento delle tue città, nei cristalli della roba che fai sù-lle strade, nei mercati di quartiere, dai palazzi popolari al palazzo del potere. Ma tu continui a pensare per ideologie, il fascismo, il comunismo, vecchie stupide e stantie. Intanto ai piani alti si dividono la torta, impastata di ricatti tangenti e gente morta. Dopo le mie parole mi punterai il dito: “Falcone e Borsellino erano sbirri dello stato!” Ma ignorandole non si curano le malattie, tu la fai facile, perchè gli stati sono due! Il re è nudo ma non cambia niente…folclore, coppole, l’Italia deficiente. Ma se urli il suo nome meno potere avrà, il secondo stato si chiama Andrangheta! E’ il secondo stato fatto d’omertà, italiani brava gente che crede a dio, tg e pubblicità! E’ il secondo stato e non ha prigioni, italiani brava gente: famiglia chiesa e mitragliatori! E il secondo stato, e assomiglia a questo qua, italiani brava gente: il Popolo delle Libertà…

VERDE ACIDO PENSIERO

 

 

 

BOMBE DIVERTENTI

Prodotti di serie A, prodotti di serie B, prodotti di serie C, per questo ti alzi presto ogni lunedì, in questo consiste la nostra libertà: avere la scelta tra prodotti B, C o A! Boom boom boom! Scoppia la crisi! Ed il nano in tv consiglia acquisti e sorrisi. Boom boom boom! Cadon la bombe! Missioni di pace in stile Orwell! Ne inventeranno di ancora più simpatiche, design elegante, lucenti e patriottiche, le lanceranno con fare democratico, bombe divertenti! Bombe intelligenti! Tu confondi il terrorismo con la resistenza ad un nuovo sistema di fascismo, tu confondi il degrado col rifiuto del lavoro che ti ha reso schiavo di un sistema monetario controllato dalle banche, dove versi i tuoi risparmi con un debito costante che va ad incentivare le guerre ed i massacri in nome del profitto di pochi! Di pochi! Tu confondi il terrorismo con la resistenza ad un nuovo sistema di fascismo, tu confondi il degrado col rifiuto del lavoro che ti ha reso schiavo di un sistema ben oliato fino dall’educazione che ti sentire parte di una patria, una nazione, per cui è giusto far la guerra dove c’è quell’oro nero che ti porta a lavoro e poi alla fine al cimitero. Ne inventeranno di ancora più simpatiche, design elegante, lucenti e patriottiche Le lanceranno con fare democratico, bombe divertenti! Bombe intelligenti!

 NUCLEARE NO!

Un presente in funzione di un futuro che non è il tuo! Sei usato per tre mesi e poi vieni licenziato! E la colpa dicono loro è del clandestino che ruba il lavoro, come bestiame da macellare prima sfruttati e poi buttati a mare! E intanto il cyber-nano, un po’ padrino e un po’ papino, tra una minorenne e un pizzo ha già firmato il tuo destino!Nucleare no! Le nostre vite come sempre in mano alle stesse teste di caZOZZO NANO! Per ammazzare hai fatto il lodo Alfano! Che gli alieni erano verdi me lo immaginavo, ma chi li avrebbe mai pensati anticlandestinità? Proprio loro che vengono da un altro pianeta dove se c’è l’hai duro pigli un’ictus di sicuro! Nucleare no! Le nostre vite come sempre in mano alle stesse teste di caZOZZO NANO! Per ammazzare hai fatto il lodo Alfano! Nucleare NO! NO!

MANGIATORTELLINI

Tu sei un mangia-hamburger / tu sei un mangia-hamburger /Tu mangia kebab /Mangiatortellini con carne di bambini Bologna la grassa! Bologna la  rossa! Noi siamo quello che mangiamo, con le nostre  salsine…schifosissime  salsine…ti senti debole? Ti senti male?Prenditi un kebab che ti fa rinvigorire…

LURIDI MAIALI

Odio la polizia / a te ti protegge a  me  mi fa scappare via /Falsi ideali…luridi maiali! Non gli dar la scusa per romperti i coglioni, non usar la droga e spiega ai loro cani che  sono al guinzaglio di luridi maiali! Odio il politico / non per partito preso, ma il mio voto  non lo do a mafie legali, luridi maiali! Mi fai schifo sei un rutto al gusto ipocrisia /Ti profumi di perfetto, ma il fetore non va via…Su tutti i canali… luridi maiali! E ci fanno propaganda da quando siamo in culla / Ci dicono che senza il sistema c’è la jungla / La legge del più forte…bugie con gambe corte : per risolvere  la selezione  naturale  ti danno  un voto scuola e poi vai a lavorare…selezioni artificiali, luridi maiali! E’ una strada dura il nostro protestare! Non è solo una moda  il nostro protestare! Ci vogliono controllare i luridi maiali, Ci vogliono  drogare  i  luridi maiali, Ci vogliono far sparire i luridi maiali, Si sbagliano di grosso i luridi  maiali !!!

 NICHILPUNK

 OI! OI! OI! OI! Per i Punk! C’è una serratura in questo muro di cemento /Io ci guardo dentro, fuori c’è un altro disastro /OI!OI!OI! Nichilist punk! Nichilismo e degrado, una vita da buttare, ma forse è meno peggio che sopravvivere e accettare /Per i punk!

 POGO SOCIALE

 Ogni giorno tutti si scontrano tra loro / si prendono a spintoni e ognuno nella bolgia si sente solo /Per  invidia o  egoismo / chiamala lotta per campare / tutti pogano tra loro / chiamalo  istinto naturale. Tu puvraz  di un fighetto  dici che vai a ballare / ma in realtà fra voi pogate per chi trova da scopare. Vi scannate per valori, melma , merda , non vale niente / noi siamo la degenerazione, e questo è il nostro pogo demente! Pogo! Tutti al pogo! Pogo pechè mi sfogo, pogo perché un livido è figo! Pogo! Tutti al pogo sociale!

 

E MO?? Cantieri, grattacieli, stipati di persone / formiche operaie con 24 ore /Da gestire per produrre, consumare e andare a letto / Poi svegliarsi per produrre, consumare e andare a letto /Statistiche aziendali hanno detto che non basta/ servono 25 ore per rimanere in testa/Nel grafico che mostra l’incremento annuale / quella linea in ascesa è la tua vita sociale/Coloro i capelli per contrasto al grigiore della macchina lucente del progresso il cui motore va a giorni, mesi, anni, un’esistenza intera / la sua benzina è l’unica vita che hai!Macchine umane , sempre più alienazione / paura di tutti, chiusi in gabbie-abitazione /Menti ormai ridotte a catene di montaggio passivamente assemblano promesse sul miraggio di un benessere basato sul guadagno materiale, cose belle sono altre, ma così le puoi comprare /“Il lavoro rende liberi” nel mondo liberale (*) …e nessuno si ricorda che l’ha già sentito dire…Cemento diventato il paesaggio naturale / la razza umana corre, ma non sa più dove andare /“Il lavoro rende liberi” nel mondo liberale …eppure son sicuro che l’ho già sentito dire /E ‘mo? ‘Mo che il cielo è tossico? La pioggia  è nera, il bel tempo non si spera più…

 (*) “Il lavoro rende liberi” in tedesco è “Arbeit  macht frei”, scritta posta all’entrata del campo di concentramento di Auschwitz Birkenau

 EUTANASIA A MEDICINA

Politicamente scorretto, col gusto del reato, boicotta il piadinaro! Boicotta “Tutto gelato”!Caro vecchietto, qui io non posso fare niente, mentre tu giochi a bocce e t’ingozzi di salsicce /Mentre parli del tempo, vai al circolo e al mercato, io non posso fare niente perché tu sei invecchiato! Caro comune, lo so, non valgo niente in quanto io non sono elettore votante, in quanto io non sono un vecchio di partito, in quanto a me la tombola mi fa proprio schifo! Noi vogliamo uno spazio autogestito! Noi vogliamo uno spazio per suonare! Noi vogliamo uno spazio per fumare, far casino, far l’amore, fare quello che ci pare /Io non guardo a Londra…purtroppo vivo qui, quindi I WANNA BE ANARCHY AL MEDICY! Eutanasia a Medicina! Eutanasia a Medicina! La medicina a Medicina è eutanasia a Medicina!

 MOVIMENTI

Dal cybersex al transgender / the punk ’77 / ani mal liberation front / Supporto ai movimenti di liberazione. E tutto è gratis do it youeself / rammenda i tuoi stracci da solo, ecrescici dentro viva e nuda / Supporto ai movimenti di liberazione! Anarcofeticisti schiavi e padroni solo nel sesso! Anarcoliberali sé stessi senza compromessi / supporto ai movimenti di liberazione!

 ANIMAL LIBERATION FRONT

Milioni d’animali massacrati ogni giorno. Milioni d’animali massacrati ogni giorno. Contro ogni forma di sfruttamento animale, dall’industria della pelliccia, agli uomini mandati in guerra. Brucio di rabbia! Animal liberation front! Ehi, è facile con lui, che non può urlare che merda sei..Vivisezione, gabbie orrori, beagle e cavie, iniezione  tumori! Ehi ehi, comprati un bonsai, per la ricerca  che ci toglie dai guai…Vivisezione, gabbie e orrori…beagle e cavie, iniezione tumori. Brucio di rabbia! Animal liberation front!

 2084 / TRANSNUCLEAR 

Il cyber-papa sta sempre là seduto, è vecchio e pensa :”se sto dio esiste son fottuto”/ Cambiare sesso oggi è gratis e indolore /A-A-Abbronzatissima sotto il nuovo sole nucleare! Transnuclear! Transnuclear! Arrivati a c lonare odio e amore non c’è vita  e morte, ma  la merda ha un buon odore Per fare un figlio non serve più scopare,compila il modulo all’ufficio “cittadino ideale” / “Un roboperaio raccontò un sogni in cui diventava una bomba e distruggeva…ma strano che mi ricordo cosa, e poi non lo vidi più. E’ un’epoca fantastica  e speciale…pensa che ci sono le patatine fritte al gusto di maiale…2084….2084…2084….

 DISADATTATO 

Scivolati tra le crepe del sistema educativo! Facciamo guerra alla guerra, in tutti i casi è guerra, contraddizioni ovunque / disadattato/ Nella disperata vita di chi pensa c’è più chaos da sobrio / disadattato/Spesso ubriaco, notti per strada, spesso sorrisi ma non ti diverti..Pace! Ma voglia di distruggere tutto… m’accontento di me stesso / disadattato/Se siamo in tanti sfondiamo al concerto, se siamo in pochi ci proviamo lo stesso/Fai la fila e il biglietto che poi dentro si salta…uscire da una  chiesa per entrare in un’altra…Madri in crisi con figli reclusi, nove mesi d’amore con in grembo un tumore.Pace! Ma voglia di crearsi uno spazio, anche se il prezzo è salato / disadattato/Gli occhi che incrocio ovunque mi giro, accecati da un faro di plastica e bugie, talmente abituati a prenderla nel culo, mi guardano male…disadattato.

 NIENTE PESANTE

 Ho un vuoto dentro / me l’hai lasciato tu/ edera di muffa / bianco freddo iglù/ Chi non mangia mai ride se hai del pane, chi ha mangiato tutto piange se ha del pane / Questo niente pesa / troppa gravità/ sono fottuto e me ne fotto!

 LUCE NERA

Muri scrostati, a terra carta stagnola sotto un cielo che sembra gonfio di botte/ questa città è il volantino di un concerto punk che poi non c’è mai stato/ Dentro Muhammad si chiede come cazzo farà ariabbracciare sua moglie /Tenta di vendere rose alle coppiette, non sa che qui l’amore è morto..Luce nera,  luce nera! Rubo una bici, la vernicio, la vendo ed ecco qua il mio grammo di merda/ Domani sarà uguale ,ma ora inietto la mia felicità, nelle vene uno spiraglio di luce nera, luce nera..Contro il degrado ronde fatte da gente perbene con intenti perbenisti / Gli tiro gavettoni di piscio in testa dalla finestra, prendo la mira perbene…Non credo di aver voglia neanche di spiegare..Lei pervade tutto, la si può solo subire..È un’intima amica,  mi sorride se sto male…Luce nera, è luce nera.

 SERRATURE SUI MURI

Se pensi che la mia idea sia kaos sociale allora fatti controllare quanto più ti pare. Non c’importa più distruggere il tuo potere, ma solo creare qualcosa per poterne uscire..E quel poco che rimane della loro giusta pace loro stessi spazzano via con le loro sante guerre. Non c’importa bestemmiare invano dio potere, peccare d’amar vita ci farà scomunicare. Serrature sui muri! Occupazione! Intothebaobab! Senza timore! Serrature sui muri! Occupazione! Intothebaobab! Nessuno al timone! La mia idea non ha bisogno di un piano e neanche di riunioni per alzata di mano, la mia idea non so se si chiama anarchia, so che è vivere una vita ma che sia davvero mia. C’è chi ha sanguinato per la sua libertà. E c’è chi ancora sanguina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *